Anno liturgico B – 2017 / 2018

L’adorazione, la giusta modalità del culto, del rapporto con Dio, è costitutiva per la giusta esistenza umana nel mondo: essa lo è proprio perché attraverso la vita quotidiana ci fa partecipi del modo di esistere del «cielo», del mondo di Dio, lasciando così trasparire la luce del mondo divino nel nostro mondo. […] (Il culto) prefigura una vita più definitiva e, in tal modo, dà alla vita presente la sua misura. Una vita in cui manca tale anticipazione, in cui il cielo non è più abbozzato, diverrebbe plumbea e vuota.
Il diritto e la morale non stanno insieme se non sono ancorati nel centro liturgico e non traggono da esso ispirazione. […] Solo se il rapporto con Dio è giusto anche tutte le altre relazioni dell’uomo – quelle degli uomini tra di loro e dell’uomo con le altre realtà create – possono funzionare.
L’uomo non può «farsi» da sé il proprio culto; egli afferra solo il vuoto, se Dio non si mostra. Quando Mosè dice al faraone: «noi non sappiamo con che cosa servire il Signore» (Es 10,26), nelle sue parole emerge di fatto uno dei principi basilari di tutte le liturgie. […] la vera liturgia presuppone che Dio risponda e mostri come noi possiamo adorarlo. Essa implica una qualche forma di istituzione. Essa non può trarre origine dalla nostra fantasia, dalla nostra creatività, altrimenti rimarrebbe un grido nel buio o una semplice autoconferma.
Questo culto, guidato dal sommo sacerdote Aronne, non doveva affatto servire un idolo pagano. L’apostasia è più sottile. […] non si riesce a mantenere la fedeltà al Dio invisibile, lontano e misterioso. Lo si fa scendere al proprio livello, riducendolo a categorie di visibilità e comprensibilità. In tal modo il culto non è più un salire verso di lui, ma un abbassamento di Dio alle nostre dimensioni. […] L’uomo si serve di Dio secondo il proprio bisogno e così si pone in realtà al di sopra di lui. […] Questo culto diventa così una festa che la comunità si fa da sé; celebrandola, la comunità non fa che confermare se stessa. Dall’adorazione di Dio si passa a un cerchio che gira intorno a se stesso […] La storia del vitello d’oro è un monito contro un culto realizzato a propria misura e alla ricerca di se stessi […]. Ma alla fine resta anche la frustrazione, il senso di vuoto. Non c’è più quell’esperienza di liberazione che ha luogo lì dove avviene un vero incontro con il Dio vivente.

Brani tratti da: J. Ratzinger-BenedettoXVI, Introduzione allo spirito della liturgia.

INTERO ANNO LITURGICO

Monaci di Tibirine trucidati da estremisti musulmani

Divina liturgia celeste – Damaskinos

Intero anno liturgico 2017-2018

Anno liturgico B (2017-2018) – Intero anno

L’intero anno liturgico dalla prima domenica di Avvento fino alla più recente, in sequenza cronologica.

 AVVENTO

Donna in preghiera in chiesa distrutta dai terroristi in medio oriente

Porziuncola di Assisi

Per scorrere, avanti o indietro, le anteprime delle omelie, vai col mouse sulla slide e clicca sulle frecce (sinistra/destra) oppure sui pulsanti in basso ==>

II Domenica T.A.

Anno liturgico B (2017-2018) – Tempo di Avvento – II Domenica – (10 dicembre 2017)

La vigilanza, di cui ci era stato fatto comando domenica scorsa, oggi si fa intuito di speranza e di gioia prossima, con due testimoni singolari: il profeta Isaia e Giovanni Battista. Non lasciamoci impressionare dalla severità della predicazione del Battista, che annuncia un battesimo di penitenza per la remissione dei peccati, perché la sua parola ci riporta l’eco del grido del profeta Isaia: “Consolate, consolate il mio popolo”. Tutte le letture profetiche della prima settimana di avvento ci riportano lì. Nella settimana abbiamo supplicato: “Vieni, Signore, a visitarci con la tua pace: la tua presenza ci riempirà di gioia”; “ridesta la tua potenza e vieni, Signore”. Lo stesso salmo responsoriale di oggi, il salmo 84, può essere definito come il canto della pace portata dal natale di Gesù. Ma occorre che la grazia di quel natale parli al nostro cuore[…]

I Domenica T.A.

Anno liturgico B (2017-2018) – Tempo di Avvento – I Domenica – (3 dicembre 2017)

L’anno liturgico comincia come finisce, inscrivendo il tempo della nostra storia nell’attesa della venuta del Signore: la venuta del Cristo alla fine dei tempi come giudice glorioso, la venuta nella carne del Figlio di Dio fatto uomo a Betlemme e la venuta mistica del Signore nel cuore di ciascuno che l’accoglie. L’invito costante è alla vigilanza. Come a dire: lo sguardo sia puntato su quel figlio, morto e risorto per noi, sul quale giocare il nostro desiderio, la nostra responsabilità e il segreto della vita.

NATALE

Betlemme luogo della mangiatoia

Gloria in excelsis

Per scorrere, avanti o indietro, le anteprime delle omelie, vai col mouse sulla slide e clicca sulle frecce (sinistra/destra) oppure sui pulsanti in basso ==>

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

 QUARESIMA

Immagine di Cristo crivellata dai proiettili in Siria

Frate in adorazione della croce. Primo maestro dei corali di san Lorenzo

Per scorrere, avanti o indietro, le anteprime delle omelie, vai col mouse sulla slide e clicca sulle frecce (sinistra/destra) oppure sui pulsanti in basso ==>

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

PASQUA

Rupnik. Mosaico del pellicano

Capolettera pasquale (codice miniato Empoli)

Per scorrere, avanti o indietro, le anteprime delle omelie, vai col mouse sulla slide e clicca sulle frecce (sinistra/destra) oppure sui pulsanti in basso ==>

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

SOLENNITÀ E FESTE

via crucis al Colosseo

Divina liturgia. Monastero di sant’Andrea 1389

Per scorrere, avanti o indietro, le anteprime delle omelie, vai col mouse sulla slide e clicca sulle frecce (sinistra/destra) oppure sui pulsanti in basso ==>

Immacolata Concezione

Anno liturgico B (2017-2018) – Solennità e feste – Immacolata Concezione – (8 dicembre 2017)

[…] da lei nasce il Salvatore, che costituisce la Benedizione di Dio sugli uomini, benedizione oltre la quale non c’è nulla di prezioso da desiderare. La tradizione venera la Vergine come “la madre del creatore di tutte le cose, colei che ha divinizzato il genere umano e ha divinizzato la terra, che ha fatto di Dio il figlio dell’uomo e ha reso gli uomini figli di Dio”.

ORDINARIO

perseguiteranno anche voi

Cantori medievali (miniatura)

Per scorrere, avanti o indietro, le anteprime delle omelie, vai col mouse sulla slide e clicca sulle frecce (sinistra/destra) oppure sui pulsanti in basso ==>

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.